Dove mangiare etnico a Torino: i miei ristoranti preferiti

La cucina etnica fa parte di me. Mi ispira nuove storie, suscita rinnovate emozioni e rinvigorisce ricordi lontani.

Chi mi conosce sa che quando viaggio assaggio tutto ciò che mi capita a tiro; lo faccio per scoprire nuovi sapori e ritrovarne di già noti. E così, anche quando sono a casa vado spesso in cerca della cucina di Paesi lontani.

Dopo la guida più generica su Torino, ecco la mia selezione (sempre in aggiornamento) di ristoranti etnici.

Cucina mediorientale

Zenobia: non è solo un ristorante dove assaggiare cibo mediorientale, ma è anche un esempio di libertà, salvezza e integrazione. Arrivata un paio di anni fa in Italia grazie ai Corridoi Umanitari di Sant’Egidio, la famiglia Makawi è originaria di Homs, città siriana ormai distrutta dalla guerra. Dopo aver imparato la lingua e aver fatto un po’ di esperienza in altri ristoranti, mamma, papà, cinque figli e un nipotino hanno deciso di buttarsi in questa avventura, che è già un successo. Difficilmente, infatti, riuscirete a trovare un tavolo libero senza aver prenotato.

Le falafel, che qui fanno a forma di ciambellina, le kofte – polpette di carne e spezie – ma anche tutti gli antipasti: chiedete di fare un assaggio di tutto un po’. Giornalmente viene proposto anche il piatto dello chef. Consiglio di non esagerare con le ordinazioni: le porzioni sono veramente abbondanti e rischiereste di avanzare molto cibo. (Corso Giulio Cesare 20, Torino | t 329 291 2912)

Riso zafferano: la cucina persiana è un’arte che si tramanda in famiglia e si rifà alla tradizione. Ogni cuoca ha ricette proprie, che difficilmente vengono espresse in unità di misura: il fuoco va spento semplicemente quando il piatto è pronto. Gastronomia e ristorante, offre la cucina tradizionale di una delle culture più eleganti del Medio Oriente. (Via San Francesco da Paola, 7 Torino | t 333 8657796)

Demir: anche se la Turchia non è Medio Oriente, lo inserisco in questa sezione per affinità di sapori. Qui trovate il miglior döner kebab di Torino (fatto con carne piemontese), ma anche le tipiche pide e il mio adorato Iskender kebap (a base di carne, yogurt, burro e focaccia). (Piazza Adriano)

Cucina cinese

Oh Crispa!: un locale piccolo piccolo in piena San Salvario dove provare le tipiche crepes di Shangai a base di farina di grano tenero e mais, farcite di uovo, coriandolo, cipollina, salsa tian mian, piccante e d’una frittella di farina cui si può aggiungere il pollo, o il maiale grasso, o il black angus etc. Ottimi anche i ravioli al vapore con un cuore di brodo. (Via Belfiore, 16bis/D | t 339.6112705)

Mood Asian Food: Un ristorante dove ravioli e noodles vengono fatti a mano, ma non sono noodles qualunque. Parlo dei lamian che vengono prodotti torcendo, stirando e piegando l’impasto in fili usando il peso stesso dell’impasto. Indirizzo: Via Cibrario, 52/d

Zheng Yang: per i torinesi non ha bisogno di presentazioni questo locale storico. Cucina ricercata, mai scontata. Forse ormai un pochino caro, ma vale sempre la pena. (Via Principi d’Acaja, 61 | t 011 447 6422)

Cucina coreana

Tobiko: durante il viaggio in Corea del Sud la sua cucina mi ha conquistata al primo morso. Elegante, ma semplice. Saporita, ma sana. Potete ritrovarla in questo ristorante, splendido anche negli arredi. Ideato da un architetto di Seoul, apre una porta spazio-temporale che non si può fare a meno di attraversare.

Cucina thai e vietnamita

Mai Thai: gestione e proprietà italiana, ma i sapori sono autentici thailandesi. Quando voglio sentire l’atmosfera di uno dei Paesi che più amo al mondo vengo qui. (Via Giambattista Gropello, 22 | t 011 760 2823)

Viet Café: nel giardino del consolato del Vietnam in via Campana, c’è questo luogo di pace e bellezza gestito dagli studenti vietnamiti residenti a Torino. Si beve il tipico caffè vietnamita e si assaggia qualcosa di tipico. Una bella realtà da sostenere.

Cucina giapponese

Le Petit Restaurant Japonaise: minimale, elegante e accogliente.  Si trova a Rosta, a pochi chilometri da Torino in direzione Val di Susa, ed è un angolo di Giappone dove cenare in tranquillità, assaporando i sapori della cucina casalinga nipponica. Cenare qui è una vera esperienza gastronomica, sia per gli appassionati di Giappone che per i semplici curiosi. Meglio prenotare (Via Chiesa, 23 Rosta| t 340 962 4553)

Miyabi: un’associazione culturale giapponese con un’anima elegante, che propone una cucina tradizionale ma, al tempo stesso, moderna. Il menu è alla carta, a cui vengono aggiunte le proposte del giorno e due degustazioni – una per onnivori e una per vegetariani – per chi voglia affidarsi alle mani sapienti di Masa, chef e proprietario. (Via Ferdinando Bonsignore 8/A Torino | chiuso martedì | t 0118196890)

Cucina peruviana

Vale un Perù: quella peruviana è una delle gastronomie più complesse al mondo, ma qui viene egregiamente raccontata dai proprietari di Vale un Perù. Non solo ceviche, che non può comunque mancare, ma tanti altri piatti che vi faranno desiderare di partire immediatamente per il Perù. Dopo aver bevuto l’ottimo pisco sour, naturalmente. Indirizzo: Via San Paolo, 52/B

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.